Service 2016-17‎ > ‎

Rotary for Viotti

Il Concorso Internazionale di Musica “Gian Battista Viotti” fu fondato nel 1950 da una geniale idea del professor Joseph Robbone, rotariano, mancato nel 1985. È uno dei più prestigiosi concorsi di musica, quarto al mondo in ordine cronologico di istituzione di quelli ancora attivi, socio fondatore e membro attivo della Fédération Mondiale des Concours Internationaux de Musique di Ginevra, che raccoglie e regolamenta i più importanti concorsi internazionali di musica.

Concepito per premiare i migliori giovani talenti musicali, è famoso per il suo alto standard, i suoi premi e le sue giurie autorevoli. Ha selezionato nella storia oltre diecimila artisti da oltre cento nazioni, ospitato più di cinquecento giurati, contribuito a lanciare le carriere di coloro che sarebbero diventati i più grandi artisti della scena musicale (qualche nome: Luciano Pavarotti, Raina Kabaivanska, Mirella Freni, Claudio Abbado, Renato Bruson, Salvatore Accardo, Daniel Barenboim, Luciana Savignano, Joaquim Achucarro e molti altri). È uno dei tre concorsi italiani di esecuzione musicale riconosciuti dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Si svolge ogni anno e alterna la sezione di pianoforte e di canto lirico.

Fin dalla sua istituzione il Rotary Club Vercelli ha contribuito a valorizzare l’opera della Società del Quartetto, attraverso service, erogazioni liberali, istituzioni di premi speciali, nomina di membri onorari (il mitico maestro milanese Giulio Confalonieri rimase socio onorario del Rotary per lunghi anni a cavallo tra gli anni sessanta e settanta). Nelle edizioni 2010, 2012 e 2014 al Concorso si sono affiancate le borse di studio del Premio Pavarotti, promosse dal Distretto e dalla Rotary Foundation. Nel corrente anno rotariano il Consiglio direttivo ha deciso di dedicare uno dei service più importanti a sostegno del concorso.

Nel 2016 la 67ª edizione ha visto in scena il canto lirico e la competizione è stata davvero appassionante. La giuria era di livello eccezionale; ha annoverato i celeberrimi baritoni Chris Merritt e William Matteuzzi e i maestri Franco Andolfi, Pietro Borgonovo, Johann-Casimir Eule, Udo Gefe e Marton Racz. Li abbiamo ospitati in una bella serata al Circolo Ricreativo durante la presentazione del service. Il concorso si è svolto per una decina di giorni e la finale, dopo eliminatorie al batticuore, si è disputata sabato 29 ottobre con il Teatro Civico gremito come non mai.

Il nostro presidente Paolo Pomati ha presentato la serata, come è solito fare da ormai quattordici anni; hanno gareggiato otto finalisti, quasi tutti coreani, e ha vinto il basso coreano Chan Hee Cho, che con i suoi 23 anni era anche il più giovane della competizione. La giuria ha attribuito tutti i premi in palio a testimonianza della qualità delle voci in gara. Al secondo e al terzo posto si sono classificati rispettivamente il baritono Hojoun Lee e il tenore Sehoon Moon; il premio del pubblico è andato al soprano greco Maritina Tampakopoulos.

Durante la serata si è svolto un interessante talk show nel quale è intervenuto anche il governatore distrettuale Enrico Raiteri, che ha confermato l’interesse del Rotary per gli anni a venire. Ha parlato anche Aldo Ottavis, storico promotore rotariano del Premio Pavarotti, che ha auspicato il ritorno delle borse di studio dedicate al grande tenore.









Comments